Vai direttamente ai contenuti della pagina
28 giugno 2024

Italiano Vela d'Altura Edison Next di Brindisi 2024 - Day 3

Ancora due splendide regate a Brindisi con vento da Nord costante a 15-16 nodi.
Le classifiche dopo sei prove, in vista del giorno finale: sabato si decidono i titoli.
Il FIVillage teatro del crew party del venerdi sera: mozzarella & music.


Penultimo giorno a Brindisi per il Campionato Italiano di Vela d’Altura Edison Next 2024: le 46 barche divise in due flotte (Gruppo 1 e Gruppo 2, più le rispettive Classi) hanno goduto di un’altra giornata praticamente perfetta. Due prove corse con vento da Nord ancora più costante tra 14 e 16 nodi, e onda corta a volte incrociata che ha richiesto attenzione ai timonieri, potenza alle vele regolate dai tailer, e gestione dei pesi a bordo.

La vela d’altura si conferma uno sport di squadra: non basta la barca veloce e ben messa a punto, occorre coordinamento nelle manovre, dialogo e condivisione delle decisioni tattiche e strategiche, capacità di reazione e rapidità nelle scelte. Tutto questo si è visto in mare a Brindisi, nelle sei regate disputate finora, l’Italiano Altura Edison Next si è confermata regata di alto livello tecnico.

Dopo sei prove in tre giorni, il primo con vento da leggero a medio, i due successivi con aria più fresca, le classifiche hanno un volto maturo, ma restano scalabili e incerte soprattutto nella composizione del podio. Le due prove in programma sabato, con previsioni meteomarine analoghe agli ultimi due giorni, saranno decisive e possono riservare ancora parecchie sorprese.

LE CLASSIFICHE DEI DUE GRUPPI A UNA GIORNATA DALLA CONCLUSIONE

GRUPPO 1 (Classi A e B, divisioni Regata e Crociera)

Partiamo dalla classe A (le barche più grandi). Nella divisione A Regata, in testa c’è Blue Sky, Swan 45 di Claudio Terrieri (YC Hannibal) con a bordo tra gli altri Tommaso Chieffi e Marco Bodini, attualmente al 5° posto assoluto del Gruppo 1 (23 punti). Secondo A Regata è Morgan V, Swan 42 del barese Nicola De Gemmis (CC Barion) con Enrico Zennaro alla tattica, staccato di 4 punti (27) al 7° posto assoluto, oggi costretto al ritiro nella seconda prova per la rottura del gennaker. Terzo Classe A Regata è MeCube, Farr 400 di Stefano Novello (DN Sistiana), 12° assoluto.

Nella classe 0-A Crociera guida la classifica Reve de Vie, Grand Soleil 43 di Ermanno Galeati e Angelo Davide (Circolo Nautico Sanbenedettese), secondo Verve Camer, Comet 50 di Luigi Ancora (CV Gallipoli) con Paolo Montefusco, e terzo WB Eight, XP5’ di Gianclaudio Bassetti dello YC Parma, che ha a bordo Mauro Pelaschier.

Nella classe B Regata, in testa gli estoni di Sugar 3, Italia Yachts 11.98 di Ott Kikkas con Sandro Montefusco, imprendibili ma fuori classifica per il titolo italiano. Secondo e primo italiano Sideracordis l’X41 di Pier Vettor Grimani (Compagnia della Vela Venezia) a 13 punti, davanti a Guardamago III, Italia Yachts 11.98 di Massimo Romeo Piparo (CN Riva di Traiano) con a bordo Daniele De Tullio del cantiere Italia Yachts, staccati di 9,5 punti (22,5). Terzo nella classe B Regata è MP30+10, Farr 40 di Luca Pierdomenico del CV Portocivitanova con Alessio Marinelli alla tattica, al 9° assoluto (42 punti).

Nella classe B Crociera primo posto blindato per To Be, altro Italia Yachts 11.98 di Stefano Rusconi (Yacht Club Italiano) che ha a bordo Gabriele Bruni come tattico, oggi hanno fatto segnare la miglior performance della flotta, terzi assoluti con 21 punti. Secondo della classe B Crociera è Costa del Salento, Dufour 40 di Fioravante Totisco (LNI Gallipoli), 41 punti. Terzo posto per Gap 5, Italia 11.98 di Giovanni Stecconi del SEF Stamura di Ancona con Pietro Corbucci, 53 punti.

GRUPPO 2 (Classe C, divisioni Crociera e Regata)

Nella Classe C Regata sempre più primo Sarchiapone Fuoriserie, Italia Yachts 9.98 del ligure Gianluigi Dubbini (Yacht Club Sanremo), con a bordo tra gli altri Lorenzo Bodini e Roberto Dubbini. Secondo C Regata è Squalo Bianco, First 35 di Concetto Costa (NIC Catania), staccato di quasi 20 punti. Terzo Trottolina Bellikosa Race, X35 di Saverio Trotta dello Yacht Club Costa del Gargano, 32 punti, che precede Northern Light by Samer, uno dei due Ecoracer 30 in gara (i monotipi sportivi in fibra riciclabile) di Fabio Bignolini per la SV Oscar Cosulich, 47,5 punti.

Nella classe C Crociera classifica corta e lotta apertissima: in testa c’è il sorpasso di Unpopergioco, Italia 9.98 di Niki Vescia (LNI Trani) a 11 punti; secondo Take Five Jr, altro Italia Yachts 9.98 di Roberto Distefano (Yacht Club Porto San Rocco) a 15 punti, mentre il terzo è South Kensington, First 35 di Massimo Licata D’Andrea (CC Roggero di Lauria), che a sua volta precede di soli 4 punti Lady Day 9.98 di Corrado Annis (YC Adriaco).

Il venerdi sera dell’Italiano d’Altura Edison Next ha visto i velisti riunirsi sul piazzale del Marina di Brindisi intorno al FIVillage per un festoso crew party, vissuto tra degustazioni di grandi classici pugliesi, dalla focaccia alla mozzarella, e accompagnato fino a ben oltre il tramonto da musiche e balli.

LA PREMIAZIONE DI SABATO E I PREMI IN PALIO

Dopo le regate finali e la definizione delle classifiche, sabato 29 giugno il palco del FIVillage sarà teatro della premiazione che consegnerà i titoli italiani con il Trofeo Carlo De Zerbi, il Trofeo dei Tre Mari ai primi dei due Gruppi, e il Trofeo Armatore Timoniere, istituiti dall’UVAI.

Un orologio Garmin Quatix 7 by Obiettivo Mare sarà estratto a sorte tra tutti gli iscritti al campionato, mentre un’opera dell’artista Giò Cucchiara, un quadro in grafite e carboncino con soggetto una manovra a vela, sarà estratto tra i quattro vincitori dei titoli italiani nelle varie classi.


EDISON NEXT – Da oltre un anno è partner della FIV con cui condivide valori come determinazione, resilienza, velocità, innovazione, spirito di squadra, sostenibilità. Edison Next è la società del Gruppo Edison che accompagna clienti e territori nel loro percorso di decarbonizzazione e transizione ecologica, attraverso una piattaforma di soluzioni innovative ed efficienti per l’ottimizzazione dei consumi e la decarbonizzazione in cui tecnologia e digitale giocano un ruolo chiave, con l’obiettivo di massimizzare competitività e performance. Inoltre, Edison Next è attiva nel settore della circular economy e dei servizi ambientali ed è impegnata nello sviluppo del mercato del biometano e dell’idrogeno. Edison Next ha le competenze e gli asset per fornire soluzioni integrate attraverso un approccio end-to-end: dalla consulenza energetica ed ambientale e dalla definizione degli obiettivi di decarbonizzazione, fino all’identificazione di una roadmap con l’individuazione delle soluzioni, alla progettazione e realizzazione degli interventi e al monitoraggio dei risultati. Innovazione tecnologica, ricerca e sviluppo sono essenziali, tanto per cogliere le nuove opportunità in campo energetico quanto per vincere le sfide dei cambiamenti climatici ed economici in corso. Per questo Edison Next è fortemente impegnata sui fronti della tutela ambientale, dell’ottimizzazione energetica e dello sviluppo dei gas verdi. E’ presente in Italia, Spagna e Polonia, in oltre 65 siti industriali, 2.100 strutture pubbliche e private e 280 città, con oltre 3.500 persone.

ONE OCEAN FOUNDATION – Nel suo ruolo di Sustainability Partner della FIV, One Ocean Foundation contribuirà con attività di informazione e divulgazione sulle buone pratiche per la tutela del mare in occasione del Campionato Italiano Assoluto d’Altura. In particolare, verrà proposto ai concorrenti di identificare un membro dell’equipaggio come Responsabile Ecologico di Bordo, con la responsabilità di mettere in atto le azioni volte a favorire la cultura per la tutela del mare.



U.V.A.I. - Unione Vela Altura Italiana