Vai direttamente ai contenuti della pagina
23 giugno 2018

Ischia a pieno titolo in un contesto di regate di alto livello

Le 60 imbarcazioni presenti ad Ischia hanno legittimato un campionato italiano molto importante per i valori espressi. Un Gruppo A così rappresentato non si vedeva da molti anni e questo fa ben sperare per la crescita qualitativa di tutto il movimento. Nel gruppo B il valore degli equipaggi non è stato da meno e lo sviluppo "specialistico" dell'ItaliaYachts 9.98 e del longevo X35 sta creando dei mostri da battere, che si sono equamente divisi le prime 8 posizioni.
Tutte le imbarcazioni ormai si caratterizzano per un range di vento ben determinato in cui poter esprimere le massime potenzialità. Alcune hanno ottenuto il massimo nelle condizioni leggere delle prime giornate ed è bastato loro difendersi nel grecale dell'ultimo giorno per raccogliere l'ambito risultato.
Vediamo il percorso dei protagonisti: Altair bissa il risultato dello scorso anno, Duende - Aeronautica Militare oltre alla conquista del suo titolo si inserisce tra i big della classe regata, Digital Bravo conquista il suo titolo classe 1 e aumenta la bacheca Swan 42 del 2018, Morgan GS 39 conferma la sua fantastica stagione con il titolo classe 2 davanti al gemello Canopo, il 9.98 Sugar dei miracoli si afferma nel suo gruppo e piazza una serie incredibile, all'X35 Extrema va il titolo classe 3 e il suo podio overall rompe l'egemonia dei fortissimi regata gruppo B, piccoli e cattivi i giovani di Mart d'Este tengono alle spalle l'agguerrita concorrenza e conquistano il titolo classe 4/5.

La manifestazione ha assegnato anche il Trofeo DHL ai primi classificati in Overall: i premi sono andati ad Altair 3 e Sugar, l’Italia 9.98 F dell’armatore estone Ott Kikkas. I sei armatori campioni hanno alzato al cielo il Trofeo Challenger De Zerbi, che per un anno resterà esposto nei saloni del Circolo organizzatore, il RYCC Savoia.
Il Campionato italiano assoluto di vela d’altura 2018 è stato organizzato da Reale Yacht Club Canottieri Savoia e Circolo Nautico Punta Imperatore su indicazione di Federazione Italiana Vela e UVAI (Unione Vela Altura Italiana) e con i patrocini di Regione Campania, Comune di Forio d’Ischia e Coni – Comitato Regionale Campania. Numerosi gli eventi collaterali: dall’esclusivo cocktail organizzato da B&G, sponsor dell’evento, alla presentazione del libro “Centoboline”, dell’attrice Marianna de Micheli. Venerdì sera, spazio al divertimento con “I favolosi anni 70”. Gli sponsor della manifestazione sono stati DHL, ICS - Istituto di Credito Sportivo, Ferrarelle, Pasta Garofalo, B&G, Mini Caseificio Costanzo, Dermolab.
“Ospitare nuovamente, a oltre vent’anni di distanza, un Campionato italiano nel nostro territorio è stata una grande emozione”, afferma Carlo Campobasso, presidente del Circolo Savoia. “Abbiamo messo in campo una macchina organizzativa imponente, che ha pienamente soddisfatto le esigenze di tutti i concorrenti sia a mare che in banchina. Il Golfo ha mostrato la sua faccia più bella, con venti sempre diversi che hanno messo a dura prova gli equipaggi”.
“Siamo molto contenti di avere ospitato questa manifestazione che ci è stata assegnata dalla Federazione Italiana Vela e dall’Unione Vela d’Altura Italiana”, evidenzia Pasquale Orofino, presidente del Circolo Nautico Punta Imperatore. “L’obiettivo del nostro circolo è inserire Ischia in un contesto di regate nazionali ed internazionali. Abbiamo già ospitato grandi eventi nei mesi scorsi, quest’isola offre un bel campo di regata e una ospitalità unica a terra”.
Alberto Nobis, amministratore delegato del title sponsor DHL, dichiara: “E’ stata la mia prima volta ad Ischia, un’isola meravigliosa che ci ha regalato emozioni uniche. Il territorio campano per noi è tra i più importanti d’Italia, crediamo che questo Campionato a Forio sia una scommessa vinta”.
Per il presidente della V Zona FIV, Francesco Lo Schiavo: “Con questo campionato si completa un progetto in cui la vela ha dato un forte segnale al territorio, concentrando capacità organizzative in un campo di regata dove spazi, attrezzature ed accoglienza hanno fatto la differenza. La Federazione oggi può contare anche su Ischia e Forio come campi di regata pronti ad ospitare altri eventi del calendario velico nazionale”.
 



U.V.A.I. - Unione Vela Altura Italiana