Vai direttamente ai contenuti della pagina
22 ottobre 2017

Volvo Ocean Race, con Francesca Clapcich anche un po’ d’Italia

Parte oggi da Alicante, per arrivare dopo 1450 miglia a Lisbona, la prima tappa di una delle regate più celebri del panorama velico internazionale, la Volvo Ocean Race, nata nel 1973 e che in questa edizione porterà i sette equipaggi partecipanti intorno al mondo per un totale di 45.000 miglia, quattro oceani, sei continenti e dodici città. Il tricolore Italiano sventolerà con orgoglio a bordo di Turn the Tide on Plastic, barca americana affidata all’esperienza di Dee Caffari e che impegnerà a bordo anche l’atleta triestina Francesca Clpacich 29 anni, triestina, per la prima alla Volvo Ocean Race dopo due campagne olimpiche alle spalle, una a Londra 2012 con il Laser Radial e l’altra a Rio 2016 con il 49er FX. A bordo sarà responsabile della regolazione della randa e della cambusa, ma durante il turno ognuno si occupa un po’ di tutto.

Vigilie importanti ne hai già vissute con due olimpiadi alle spalle ma adesso che sensazioni provi a pochi giorni dalla partenza?
Questa è una bella avventura, ovviamente rispetto alle olimpiadi è tutto un altro mondo, sarà molto difficile probabilmente la convivenza a bordo, il conoscersi e capire come “sopravvivere” a bordo, mangiare, dormire e autogestirsi quindi è un bel cambio ecco.

La vita a bordo è molto impegnativa, come ti sei preparata in questi mesi?
In realtà per quel che riguarda la preparazione fisica sto usando i metodi che ho acquisito nelle classi olimpiche il bagaglio di conoscenze mi è molto utile anche adesso. Rispetto a Rio ho quasi 10 chili in più, non è stato difficile ma sono stata attenta a non mettere su troppo massa grassa ma massa muscolare, 10 chili sono tanti ma ne perderò talmente tanti che è sicuramente meglio averne di scorta.

La distanza tra vela oceanica e vela olimpica è sempre più sottile, arrivando dalla vela olimpica come ti sei trovata?
Secondo me le distanze si stanno accorciando molto proprio per il fatto che la regata invece che essere solamente off-shore sta diventando sempre più tirata, dove bisogna dare sempre il 100% e sicuramente i velisti olimpici sono abituati fin da sempre a ricercare la performance. Nel nostro team Dee Caffari è riuscita a creare un equipaggio con tante personalità, con tante esperienze diverse; c’è chi ha vinto medaglie alle olimpiadi, chi ha regatato solo off-shore e chi ha fatto giri del mondo in solitario o chi ha fatto Figaro, tantissima personalità a bordo e probabilmente è il mix che funziona perché ognuno riesce ad apportare qualcosa di suo.

A proposito di mix, altra novità in questa edizione la possibilità di creare equipaggi misti tra uomini e donne in maniera più omogenea, come vedi questa nuova regola?
Finalmente stiamo arrivando a una parità e secondo me la cosa più bella all’interno del nostro team è che ci vediamo tutti quanti come velisti a prescindere da uomo o donna, siamo tutti atleti indistintamente sullo stesso piano, poi chiaramente un ragazzone di 100 chili lo metti al grinder e sviluppa più potenza rispetto ad una donna , non è una novità, ma qui ognuno ha il suo spazio io per esempio sono trimmer della randa ed è un ruolo che non necessita di forza mostruosa, è un ruolo più tecnico, bisogna solamente avere le persone giuste nel ruolo giusto.

Per concludere adesso una ragazzina che inizia con le derive ha una prospettiva in più, può arrivare come te a far parte di un team della Volvo Ocean Race, che consiglio di sentiresti di darle?
Secondo me è una cosa incredibile perché adesso una donna che ha voglia di lavorare e di mettersi d’impegno riesce a raggiungere qualsiasi cosa, si stanno aprendo tante porte, qualche hanno fa sembrava impossibile quindi il mio consiglio è quello di crederci, di lavorare duro, lavorare tantissimo fin da subito e di non mollare mai per raggiungere grandi obiettivi.
Si pensa sempre alle Olimpiadi ai campionati mondiali o ai giri del mondo ma prima di arrivare bisogna veramente faticare allenandosi con la motivazione giusta e con il sogno sempre davanti agli occhi.

http://www.volvooceanrace.com/en/home.html



U.V.A.I. - Unione Vela Altura Italiana