Vai direttamente ai contenuti della pagina
10 luglio 2017

L'ottimo stato di salute dell'Altura Italiana a 360 gradi

Riportiamo alcune considerazioni del Segretario Generale dell’Uvai Francesco Sette, membro del Comitato a Trieste, da molti anni importante riferimento del Consiglio Direttivo della nostra associazione.
"Sono sempre disponibile a rispondere alle esigenze degli armatori (molti), ascoltando anche i mugugni di alcuni (pochi), in questo caso voglio condividere una mia analisi personale dei pro e dei contro relativi all’ORC Worlds Trieste 2017 appena concluso. Prima però voglio segnalare a tutti la fantastica dichiarazione fatta da un mostro sacro della nostra vela Vincenzo Onorato che in un intervista post gara ha dedicato il titolo iridato appena conquistato ad un altro mostro sacro rimasto nel cuore di tutti come “Paolone" Venanzangeli.
Vediamo un pochino i si ed i no di questo evento:
- non è stato il Campionato di chi è convinto che un "baricentro" od un "centro di gravita' permanente" (per dirla alla Battiato) faccia vincere un titolo;
- non è stato il Campionato di chi sempre più i titoli cerca di vincerli in sala d'udienza invece che in acqua";
- non è stato il Campionato di quelli che tanto i CdR sono incompetenti e le Giurie ((specialmente quelle internazionali) vivono sulla luna;
- non è stato  certo il Campionato di una "lunga" memorabile... forse sarebbe stato meglio avere una partenza, un gate ed un arrivo invece di un percorso "flipper" nel golfo di Trieste... ma l'organizzazione avrà avuto le sue buone intenzioni magari nel cercare refoli dove pensava di poterli trovare;
- è stato il Campionato dei grandi numeri e dell'ampio ritorno mediatico;
- è stato il Campionato di un livello qualitativo molto alto di barche ed equipaggi;
- è stato il Campionato di chi, nel bene e nel male, ci ha creduto fino alla fine!
- è stato il Campionato dei CdR che hanno fatto nottata a prendere arrivi e che per due giorni di seguito hanno dato partenze fino all'ultimo attimo utile sfruttando tutto il vento che c'era;
- è stato il Campionato di un organizzazione mastodontica ancor più complessa per il necessario coordinamento dei tanti co-organizzatori...qualche sbavatura?? Assolutamente veniale!
Avete un evento complesso? Chiamate Roberto Sponza ad organizzarvelo.
E poi che dire, poche ore dopo la conquista di tre titoli iridati una ristretta pattuglia di barche italiane capitanate dal nostro Consigliere Pino Stillitano (tattico di Old Fox) portava a casa due bronzi all'Europeo IRC di Marsiglia in classe 1 con Cippa Lippa Rossa il Ker 40 di Guido Paolo Gamucci ed in classe 4 con Old Fox il X332S di Paolo Colangelo, dimostrando l'ottimo stato di salute dell'Altura Italiana a 360 gradi”


E per il futuro: The Hague Offshore Sailing World Championship 2018.
Inizia già da oggi l’avvicinamento all’evento mondiale del prossimo anno che vedrà una partecipazione regolamentata dai due sistemi di stazza ORC e IRC. L’Uvai accompagnerà i suoi armatori in questo nuovo percorso fornendo la consulenza necessaria. Torneremo a breve sull’argomento seguendo tutte le evoluzioni di questa nuova avventura.



U.V.A.I. - Unione Vela Altura Italiana