Vai direttamente ai contenuti della pagina
27 maggio 2017

Brindisi-Corf¨, oltre 100 gli iscritti

Prende forma la flotta che alle 12 del 7 giugno sarà sulla linea di partenza al largo di Brindisi, per dare vita all’edizione 2017 della Regata Internazionale Brindisi-Corfù, con traguardo davanti al porticciolo di Kassiopi. Soddisfatti gli organizzatori del Circolo della Vela Brindisi per le numerose adesioni degli armatori, soprattutto dell’Adriatico, per questa classica giunta alla sua XXXIII edizione. Al 25 maggio le barche iscritte erano già a quota 100 (alla fine, lo scorso anno, si giunse a 134 equipaggi in gara). E mancano ancora diversi giorni per la chiusura dei termini.
La regata, aperta ad ORC e Multiscafi, è valevole come prova per il Campionato Italiano Offshore ed ha un percorso di 109 miglia, con partenza anticipata quest’anno di un’ora, alle 12, dall’avamporto di Brindisi, boa da lasciare a sinistra davanti al porto di Otranto, ed arrivo al traverso del porticciolo di Kassiopi, nell’isola di Corfù, dopo la fase notturna della navigazione. Iscrizioni entro il 31 maggio, anche online.
Ricco il programma degli eventi e delle iniziative collaterali, cui si aggiunge negli ultimi giorni, in base ad una accordo tra l’associazione ambientalista MareVivo e il Circolo della Vela Brindisi, l’estensione anche alla Brindisi-Corfù del concorso video-fotografico riservato agli equipaggi, collegato alla campagna “Occhio al Mare”, promosso dalla Divisione Vela di MareVivo. Gli equipaggi sono invitati a fotografare e/o realizzare video degli avvistamenti di cetacei, tartarughe, banchi di meduse, ma anche scie o isole di rifiuti e plastica, e ad inviare il tutto, corredato dalla relativa scheda compilata, e dai dati dell’avvistatore, all’indirizzo mail divisionevela@marevivo.it. Azioni come questa rientrano nell’ambito della cosiddetta “citizen science”, un approccio innovativo alla ricerca scientifica che riconosce e valorizza la partecipazione di cittadini ad attività condotte secondo gli standard messi a punto dalla comunità scientifica. Tutti i dati raccolti dai ricercatori-velisti saranno infatti elaborati e consegnati a vari organismi nazionali ed internazionali, così da contribuire ad integrare le conoscenze su questi argomenti e a sostenere specifiche misure di conservazione o di riduzione delle forme di degrado e inquinamento.
Quest’anno la regata Brindisi-Corfù incontra anche la storia, con il convegno organizzato per il 5 giugno nella sala conferenze di Palazzo Granafei Nervegna “La Via Francigena del Mare”, che ricostruisce i pellegrinaggi medievali verso la Palestina che utilizzavano il porto di Brindisi. Ma oltre allo sport, alla difesa del mare, alla storia, ci sono anche le ricche offerte eno-gastronomiche, per iniziativa di quattro imprese locali, nello scenario del lungomare Regina Margherita nel Seno di Ponente del porto di Brindisi, base della regata, che sarà, come nelle ultime edizioni, anche vela solidale e altro ancora.
 



U.V.A.I. - Unione Vela Altura Italiana